Cerca nel blog

martedì 28 maggio 2013

Seconda sciamatura e controllo celle reali: si prospetta una settimana decisiva

Ci siamo recati in apiario domenica 26 maggio alle ore 14:00. Domenica è stata una giornata meteorologicamente discreta; alle 14:00 c'era un bel sole ma c'era anche un vento abbastanza fastidioso anche se non freddo.

Nell'ultimo post ho raccontato della visita del 14 maggio, in occasione della quale abbiamo preso atto della sciamatura di parte della famiglia di api dell'arnia nr. 02. Siamo andati a visitare le nostre api anche la successiva domenica 19 maggio per capire come stava evolvendo la situazione.

Il 19/05 abbiamo notato che, all'interno dell'arnia nr. 02 -gialla-, le api avevano mantenuto una sola cella reale, in particolare quella posta sul secondo telaino da sinistra, osservando l'arnia da dietro. Le altre, che pur avevamo visto in occasione della visita precedente, erano state distrutte dalle api stesse. Riteniamo che la famiglia abbia "eletto" l'unica cella reale attualmente in essere quale "culla" della futura regina.

Sempre il 19/05 abbiamo controllato anche l'arnia rossa (nr. 01) e non abbiamo notato nulla di anomalo; popolazione in quantita normale, nessuna cella reale, presenza di covata sia fresca sia opercolata.

Per entrambe le arnie abbiamo tolto la griglia escludi regina in maniera tale da dare spazio alla famiglia; sostanzialmente così facendo permettiamo alla regina di deporre anche sui telaini del melario e confidiamo così di favorire il rafforzamento delle famiglie.

Torniamo ora al 26 maggio, ovvero domenica scorsa...

Ci siamo diretti per primi all'arnia nr. 02 -gialla-, quella già sciamata. Il melario era disabitato, ma non ci aspettavamo cose diverse.

La popolazione all'interno dell'arnia gialla era in numero molto maggiore rispetto a quanto osservato la scorsa volta, ma questo solo per via del fatto che nel frattempo la covata allora opercolata non è più tale; ovvero le api sono nate ed ora fanno parte integrante della famiglia.

Abbiamo sollevato ed osservato ciascun telaino ed abbiamo notato l'assoluta assenza di covata fresca; d'altronde non abbiamo la regina e non potrebbe essere diversamente.

Abbiamo notato anche poca covata opercolata, poichè gran parte di questa è già sfarfallata nei giorni scorsi, e discrete riserve di miele. Dico discrete perchè dall'osservazione è risultato evidente come le api stessero consumando sensibilmente le riserve sino a quel momento accumulate; d'altro canto la stagione primaverile è stata pessima da un punto di vista meteo con piogge quasi continue.

Sul secondo telaino da sinistra osservando l'arnia da dietro ecco ancora (vedasi foto poco sotto) la nostra cella reale.



Indicativamene al centro della foto vediamo una cella reale opercolata

Ora, facendo un po' di conti, riteniamo che la nuova regina debba sfarfallare dalla cella reale in foto tra il 26-27 e il 28 di maggio. In effetti la regina impiega 16 giorni dalla deposizione dell'uovo allo sfarfallamento. Noi abbiamo notato la presenza di questa cella reale, peraltro ben costruita, il giorno 13/05/13 mentre in occasione della precedente visita del 04/05/13 non c'era alcuna cella reale.

Quindi pensiamo che l'uovo possa essere stato deposto tra il 10 e il 12 maggio. Sommando 16 giorni otteniamo una data presunta di sfarfallamento che va dal 26 al 28 maggio.

E' fondamentale che la regina che nascerà (o che è già nata?) venga fecondata, in maniera tale da poter poi iniziare a deporre le uova all'interno delle numerosissime cellette ormai vuote dei favi.

La fecondazione in sè non è scontata; effettivamente perchè essa avvenga occorre che il tempo meteo non sia sfavorevole. Infatti la regina si accoppia con i fuchi in volo, ed essa vola se il tempo lo permette.

Purtroppo le previsioni meteo non sono ancora una volta rosee e questo francamente ci preoccupa.

Se la regina non verrà fecondata allora l'alveare è destinato a morire.

Per questo motivo nel fine settimana ci recheremo in apiario per capire lo "stato dell'arte". Se la regina non dovesse venire fecondata allora dovremo assolutamente acquistare una nuova regina da inserire nell'alvere per scongiurarne l'estinzione.

Ecco le foto di alcuni altri telaini appartenenti all'arnia nr. 02 -gialla- che abbiamo visionato...




Poca covata opercolata e tantissime celle vuote



L'unico telaino dell'arnia gialla con un discreto quantitativo di covata opercolata ma ancora tante celle vuote
 
 
 
Ma non finisce qui... Perchè il titolo di questo post inizia con... "Seconda sciamatura.." Perchè? Perchè aprendo l'arnia nr. 01 -rossa- abbiamo constatato che anche qui non c'era più la regina.. Era sciamata con parte della popolazione dell'alveare (non molta per fortuna)..
 
Cosa abbiamo notato osservando i telaini presenti all'interno di quest'arnia? Innanzitutto un discreto numero di api, segno che la sciamatura non aveva comunque interessato tantissimi individui.
 
In secondo luogo nessun segno di presenza di covata fresca. E questo non lascia spazio a dubbi. La regina non c'è più.
 
Infine, presenza di almeno 4 celle reali non ancora opercolate. Segno che in questo caso la sciamatura non deve essersi verificata tanti giorni orsono.
 
Ecco le foto dei telaini in cui sono visibili le celle reali in corso di costruzione...
 
 
 

Cella reale, ancora aperta nella parte inferiore, visibile in basso a destra sulla foto
 



 
Altra cella reale, in questo caso molto evidente
 




Cella reale in corso di costruzione




 
 
Altra cella reale in corso di costruzione; è evidente l'apertura nella parte bassa della stessa poichè la cella non è ancora opercolata
 
 
In occasione della visita del prossimo fine settimana vedremo come si presenterà la situazione anche all'interno dell'arnia nr. 01 e ne trarremo le conseguenze..
 
Infine una foto emblematica... Le api hanno tolto la pellicola di cera che sigillava le cellette del favo contenente miele (tecnicamente hanno disopercolato parte del favo) e ne stanno mangiando.... La primavera veramente non è arrivata; la fioritura è durata poco e comunque sempre disturbata dalle piogge e queste sono le conseguenze..
 
 
 
Quando sopra descritto è ben visibile in alto a sinistra sulla foto
 
 
 
Al prossimo post!
 
Alessandro