Cerca nel blog

domenica 18 maggio 2014

Creati due nuovi nuclei d'api inserendo negli stessi altrettante regine già fecondate

E' stata una bella giornata ieri. E' stata la giornata in cui abbiamo raggiunto il traguardo simbolico dei nostri primi 10 alveari e credete, dopo aver rischiato di finire a zero l'inverno, è una bella soddisfazione.

Ci eravamo lasciati la scorsa settimana con 8 alveari, di cui 4 su arnie e 4 su nuclei e ci ritroviamo oggi con due nuclei in più.

Un vero fiume d'api va e viene dagli alveari -17/05/2014 ore 14:00 circa-

Innanzitutto la prima buona notizia della giornata è legata al nostro nucleo nr. 02, quello che con grande difficoltà abbiamo portato fuori dall'inverno. Ieri, per la prima volta, abbiamo notato la presenza di ben 4 telaini di covata!
Abbiamo deciso alla luce di quanto sopra di trasferire le api in un'arnia in legno (la nr. 02 per l'appunto) da 10 telaini. Abbiamo riempito l'arnia, oltre che con i 5 telaini (di cui 4 di covata) che costituivano il nucleo, con altri 3 telaini già costruiti e dotati ciascuno di una corona di miele. Ai lati abbiamo posizionato due diaframmi in legno.

Seconda buona notizia: l'arnia nr. 05 -quella che ad inizio primavera aveva covata calcificata- è oggi in ottima salute. All'interno del nido troviamo diversi favi di covata in vari stadi di sviluppo e le api popolano abbondantemente tutti e 10 i telaini. Inoltre sui listelli superiori dei telaini le api hanno realizzato delle piccole costruzioni in cera e così sul coprifavo. E' un segnale evidente che le api ci stanno dando: hanno bisogno di spazio.

Abbiamo colto la palla al balzo ed abbiamo perciò posizionato anche sull'arnia nr. 05 il melario (come di consueto quando scrivo melario parlo del melario "alto" avente le stesse dimensioni del nido sottostante).

Nel melario abbiamo inserito 5 telaini di cui un foglio cereo e 4 con favi già costruiti.
Abbiamo controllato dopo un'ora e mezza ed abbiamo avuto il piacere di notare che le api erano già salite a melario e stavano popolando i nuovi favi.

L'arnia nr. 04 è in grande salute con parecchi telaini di covata ed abbondanti scorte mentre la nr. 01 e la nr. 03 sono oggi leggermente più indietro (presentano solo 3 telaini di covata ciascuna).

Ricordo che le arnie 01 e 03 sono quelle dalle quali abbiamo attinto di più nel corso dell'ultimo mese e mezzo al fine di creare nuovi nuclei. Siamo sempre stati attenti a non esagerare con i prelevamenti per non indebolire la famiglia ma, nonostante queste attenzioni, è evidente che c'è oggi meno covata rispetto alle arnie 04 e 05.

E' vero anche che, soprattutto nell'arnia 01, la covata aveva quasi tutta la stessa età per cui le nuove api sono nate quasi tutte contemporaneamente lasciando parecchi telaini con le celle vuote.

In effetti all'interno di questi due alveari (01 e 03) è palese la presenza di un elevatissimo numero di api, anche giovani, ma poca covata.

Riteniamo probabile che le residenti siano occupate a pulire le celle dalle quali sono sfarfallate di recente le nuove api; una volta ultimato questo lavoro la regina ricomincerà a deporre.

Nell'arnia 03 abbiamo notato invece la presenza di una cella reale. La cosa da un lato non ci stupisce perché siamo in pieno periodo di sciamatura naturale dall'altro lato ci sorprende un po' perché questa famiglia, pur molto ben popolata, ha ancora parecchio spazio (favi già costruiti e solo parzialmente riempiti di scorte) per crescere, soprattutto nel melario.

Abbiamo eliminato la cella reale; ora terremo d'occhio questa famiglia per capire se ci saranno o meno sviluppi.

Abbiamo visitato anche i nuovi nuclei creati a fine aprile ed inizio maggio.

Il nucleo realizzato il 27/04/14, all'interno del quale avevamo già visto la neonata regina la settimana scorsa, presenta ad oggi ancora parecchie celle di covata opercolata (d'altro canto il 27/04 avevamo inserito un telaino di uova; detto telaino è oggi di covata opercolata).

Ieri 17/05 non siamo riusciti a vedere la regina. Potrebbe essere, sulla base dei nostri calcoli, in volo di fecondazione. Se è così non ci resta che attendere il suo ritorno!

Abbiamo visitato anche gli altri due nuclei, realizzati (sempre senza innesto di regina già fecondata) una settimana dopo, quindi il 03/05/2014.
La regina è di certo sfarfallata in entrambi gli alveari poiché, a differenza di ciò che abbiamo osservato la volta scorsa, non vi sono più celle reali.

Purtroppo però non siamo riusciti a vedere la regina...

Infine abbiamo creato 2 nuovi nuclei, questa volta inserendo all'interno degli stessi altrettante regine, nate nel 2014, già fecondate.

Le abbiamo inserite nel nucleo all'interno dell'apposita gabbietta di plastica. Nella gabbietta, che abbiamo posizionato tra i due telaini centrali, troviamo la regina ed alcune api operarie accompagnatrici. La regina impiegherà due/tre giorni a liberarsi dalla gabbietta (chiusa con un po' di candito); in questi giorni le api presenti nel nucleo si abitueranno alla sua presenza e l'accetteranno una volta che essa uscirà dalla gabbietta.

I nuclei sono stati realizzati prelevando dagli altri alveari del nostro apiario complessivamente 8 telaini di cui 6 di covata. Ciascun nuovo nucleo ha accolto dunque 4 telaini di cui 3 di covata.

Abbiamo quindi chiuso le porticine di accesso ai due nuovi alveari al fine di non permettere alle api di tornare al loro alveare d'origine (dal momento che abbiamo lasciato i nuovi nuclei nel medesimo apiario).
24 ore dopo, dunque poco fa, abbiamo aperto le porte e lasciato che le api potessero liberamente entrare ed uscire dagli alveari.

Ecco come si presenta ora il nostro apiario..


A destra si notano gli ultimi due nuclei realizzati ieri ancora con le porticine chiuse



La prossima settimana ci occuperemo di realizzare alcune decine di nuovi telaini, sui quali monteremo poi il foglio cereo; proseguiremo poi con la costruzione di nuove arnie.

Di certo il prossimo fine settimana non realizzeremo nessun nuovo nucleo e forse nemmeno il fine settimana successivo. Vogliamo dare spazio alla ripresa delle famiglie dopo lo sforzo che ha permesso di portarci in meno di 2 mesi da 2 a 10 alveari.

Ricordiamo sempre che la parola d'ordine in apicoltura è EQUILIBRIO.

A metà giugno riprenderemo a crescere.

Al prossimo post!

Alessandro