Cerca nel blog

mercoledì 17 aprile 2013

La stagione sembra essere partita!

Ci siamo recati in apiario per la nostra visita di controllo domenica mattina, 14 aprile, alle 11:00.

Scrivo solo oggi, 17 aprile, perchè ho avuto qualche disguido con la linea internet... Problemi tecnologici insomma..!

Come detto domenica scorsa abbiamo visitato le nostre api. La giornata prometteva proprio bene perchè già da 3 giorni il tempo si era messo al bello e, per l'appunto anche domenica mattina, il sole la faceva da padrone. La temperatura era decisamente gradevole, sui 20°.

Quando siamo arrivati in prossimità delle arnie abbiamo notato che le api stavano facendo tranquillamente il loro lavoro. Come si vede infatti dal video poco sotto le api entravano ed uscivano incessantemente dall'arnia; chi entrava portava polline (sulle zampe) e nettare (nell'ingluvie); chi spiccava il volo dal predellino era invece scarica e partiva in direzione dei fiori da bottinare.

Questo normale via-vai di api ci ha rassicurato perchè è ciò che ci si aspetta di vedere quando le famiglie stanno lavorando come dovrebbero. Ci saremmo dovuti preoccupare invece se avessimo visto api in lotta tra loro sul predellino di volo e voli caotici (e non invece ordinati come si vede dal video) in prossimità delle arnie.
In questi ultimi casi infatti era probabile che stessimo assistendo ad un tentativo di saccheggio dell'alveare da parte di un gruppo di api appartenenti ad una famiglia diversa e più forte di quella attaccata.



 
In ogni caso, come detto, tutto sembrava andare per il meglio, così abbiamo dato corso all'apertura dell'arnia nr. 01.

Abbiamo sollevato ogni singolo telaino ed abbiamo notato, come l'altra volta, grandi scorte di miele ed ancora una volta parecchia covata già opercolata e dunque quasi pronta a sfarfallare.
Uno dei due telaini da nido, dotati di solo foglio cereo, che avevamo inserito era stato ultimato dalle api (che avevano quindi costruito su entrambi i lati il favo di cera) e le cellette erano state quasi tutte riempite di miele. Si tratta dunque di un telaino di scorte per le api.

Nell'altro telaino da nido invece la costruzione del favo da parte delle api non era ancora iniziata.

Molto positivo poi ciò che abbiamo visto sul telaino da melario, che come ho scritto in un precedente post, abbiamo inserito per dar corso alla lotta alla varroa con metodo bio-meccanico.
Le api avevano infatti quasi ultimato di costruire il favo all'interno del telaino da melario e stavano poi iniziando a costruire un favo naturale attaccato alla base del telaino da melario stesso. Ovvero esattamente ciò che speravamo stessero facendo.

Il favo naturale sarà composto infatti prevalentemente da celle all'interno delle quali veranno allevati fuchi, che come sappiamo sono più propensi ad essere attaccati dalla varroa.

Noi interverremo qualche giorno prima della nascita dei fuchi (sfarfallamento) eliminando il favo naturale e quindi anche tutto il carico di varroa. Sperando di non sbagliare i tempi di intervento.. -))

Purtroppo non è stato possibile procedere all'apertura della seconda arnia perchè proprio mentre stavo per ultimare il controllo della prima arnia sono stato punto alla mano da 3 api..

Il veleno che mi avevano rilasciato aveva generato un bel caos tra le api membre della stessa famiglia, le quali erano diventate decisamente aggressive.

Abbiamo comunque visto che anche all'ingresso della seconda arnia c'erano api che entravano ed api che uscivano in maniera del tutto ordinata e regolare per cui abbiamo deciso di non forzare i tempi e di rimandare il controllo di quest'arnia alla prossima visita che abbiamo programmato per sabato 20 o domenica 21 aprile.

In quell'occasione vorremmo trovare anche l'ultimo telaino da nido inserito ormai completato e così anche per il telaino da melario ed il sottostante favo naturale.

Se così sarà inseriremo un ultimo telaino da nido all'interno dell'arnia e potremmo anche pensare di sovrapporre al nido stesso il melario, per iniziare con la prima produzione di miele millefiori..

Al prossimo aggiornamento!

Un saluto!

 
Alessandro